Causali Contabili

Scheda Partite clienti fornitori

Causali Contabili

Tipo gestione

  • Apre partita (Fattura). Esempio: fattura o nota credito;
  • Chiude partita (Pagamento). Esempio: pagamenti di clienti e fornitori e registrazione di acconti;
  • Riapre partita (Insoluto). Esempio: insoluto. Se si indica "Riapre partita" non vengono richieste le opzioni successive riguardanti le partite;
  • Addebiti insoluto (Addebito). Esempio: addebito su fattura o su insoluto. Se si indica "Addebiti insoluto" non vengono richieste le opzioni successive riguardanti le partite;
  • No partita. Per le aziende che non gestiscono partite o per causali che non movimentano le partite (come ad esempio "prelevamento contanti", ecc.). Se si indica "No partita" non vengono richieste le opzioni successive riguardanti le partite.

Funzione

  • Incasso: Clienti
  • Pagamento: Fornitori
  • Normale: Normale registrazione di prima nota

Se la causale contabile riguarda Incassi o Pagamenti, alla conferma del codice la procedura si porterà automaticamente nella gestione Estratti Conto alla scheda del cliente o del fornitore richiamato dove sarà possibile imputare gli incassi o i pagamenti da registrare.

Movimenta conto

  • Clienti
  • Fornitori
  • Entrambi (compensazione di partite tra clienti e fornitori)

Tale voce permette di aprire due finestre differenti durante la registrazione delle partite:

  • Se viene indicato "Clienti" oppure "Fornitori" viene aperta una finestra dove viene richiesto il conto del cliente o del fornitore ed il conto incasso o pagamento e la registrazione è automatica;
  • Se viene indicato "Entrambi", dopo aver indicato la partita da incassare o da pagare, si ritorna nella finestra di prima nota dove è possibile inserire, in righe successive, tutti i conti di incasso e pagamento ed eventualmente di abbuono.

Tipo conto

  • Dare: il conto che determina la partita è quello in Dare registrando l'operazione di prima nota;
  • Avere: il conto che determina la partita è quello in Avere registrando l'operazione di prima nota.

Ad esempio in una causale di acconto a fornitore il conto che determina la partita sarà il conto Dare perché in Dare viene registrato il fornitore.

Esigibilità I.V.A.

  • Immediata/split payment
  • Differita
  • Per cassa
  • Mista

Selezionare il tipo di esigibilità I.V.A. se la causale contabile si riferisce all'incasso di fatture con I.V.A. ad esigibilità differita o I.V.A. per cassa. E' possibile selezionare l'opzione Esigibilità I.V.A. Mista per gestire gli incassi e i pagamenti di fatture con diversi tipi di esigibilità.
Al momento dell'inserimento della registrazione contabile, verranno richiesti gli estremi del documento a cui il pagamento si riferisce, al fine di permettere una corretta liquidazione I.V.A..

Nota

E' possibile selezionare il tipo di esigibilità I.V.A. se la causale chiude la partita, se la funzione è incasso o pagamento e se movimenta il conto di un cliente o di un fornitore.

Tipo giroconto

Campo abilitato se il Tipo gestione impostato è Chiude Partita; i valori previsti sono:

  • Nessuno, da utilizzare per tutti i movimenti di prima nota che non sono relativi ai giroconti delle ritenute d’acconto e degli omaggi;
  • Ritenuta acconto, da utilizzare per tutti i movimenti di prima nota generati come giroconti di rilevazione delle ritenute d’acconto. Questo valore è disponibile se l'esigibilità I.V.A. è diversa da Immediata/split payment;
  • Omaggio, da utilizzare per tutti i movimenti di prima nota generati come giroconti omaggi in fase di consolidamento dei documenti di vendita; questo valore è disponibile se l'esigibilità I.V.A. è Mista o Immediata/split payment.

Il tipo giroconto Ritenuta acconto deve essere indicato per non stampare sui Registri Iva i movimenti di giroconto relativi alle ritenute d'acconto per fatture con esigibilità I.V.A. per cassa o I.V.A. ad esigibilità differita; gli importi delle ritenute vengono comunque considerati nel calcolo dell'importo dell'I.V.A. relativa ad ogni riga di dettaglio presente sui registri stessi.

Inoltre, la procedura di sincronizzazione provvigioni, per determinare l’importo di provvigione maturato, considererà solo ed esclusivamente le partite di chiusura relative agli incassi effettivi, escludendo dalla elaborazione quelle partite che prevedono una causale contabile con Tipo giroconto “Omaggio” o “Ritenuta acconto”; in questo modo la provvigione risulterà maturata totalmente in caso di incasso a saldo oppure parzialmente con riproporzionamento degli importi sulle rate del movimento provvigionale se l’incasso è in acconto (ignorando quindi eventuali omaggi e/o ritenute).