CADI/Esterometro Introduzione Esterometro

Esterometro - Introduzione

Gestione CADI/Esterometro

L'articolo 1, comma 3-bis, del D.Lgs. n. 127/15 ha previsto l'introduzione di un nuovo adempimento fiscale, ovvero il cosiddetto "Esterometro" relativo alla comunicazione dei dati delle operazioni di cessione di beni e prestazioni di servizi transfrontaliere.

Tale adempimento si è reso necessario per comunicare all'Agenzia delle Entrate le fatture emesse e ricevute nei confronti e da soggetti non stabiliti nel territorio dello Stato, dopo l'abrogazione della Comunicazione delle Fatture Emesse e Ricevute (ex Spesometro), a partire dal 1° gennaio 2019 a seguito dell'obbligo di fatturazione elettronica.

Il Provvedimento del 30 aprile 2018 dell'Agenzia delle Entrate ha stabilito che gli operatori I.V.A. residenti devono comunicare le operazioni di cessione di beni e di prestazione di servizi effettuate e ricevute verso e da soggetti non stabiliti nel territorio dello Stato.

I dati devono essere trasmessi secondo il tracciato e le regole di compilazione previste dalle specifiche tecniche allegate al provvedimento in questione, ossia:

  • i dati identificativi del cedente/prestatore;
  • i dati identificativi del cessionario/committente;
  • la data del documento comprovante l'operazione;
  • la data di registrazione (per i soli documenti ricevuti e le relative note di variazione);
  • il numero del documento;
  • la base imponibile;
  • l'aliquota I.V.A. applicata e l'imposta ovvero, ove l'operazione non comporti l'annotazione dell'imposta nel documento, la tipologia dell'operazione.

La comunicazione è facoltativa per tutte le operazioni per le quali è stata emessa una bolletta doganale e quelle per le quali siano state emesse o ricevute fatture elettroniche.

Per le sole fatture emesse, la comunicazione delle operazioni transfrontaliere può avvenire trasmettendo al sistema dell'Agenzia delle Entrate l'intera fattura emessa, in un file nel formato XML e compilando solo il campo "CodiceDestinatario" con il codice convenzionale "XXXXXXX", come indicato nelle specifiche tecniche allegate al presente provvedimento. Emettendo tali fatture elettroniche, queste possono essere escluse dall'Esterometro in quanto già transitate dal Sistema di Interscambio.

La trasmissione telematica deve avvenire entro l'ultimo giorno del mese successivo a quello di riferimento delle operazioni effettuate di vendita e di acquisto.

Nota

Sebbene il Provvedimento del 30 aprile 2018 dell'Agenzia delle Entrate stabilisca che "La trasmissione telematica è effettuata entro l’ultimo giorno del mese successivo a quello della data del documento emesso ovvero a quello della data di ricezione del documento comprovante l’operazione.", diverse fonti di stampa specializzata danno indicazione che la comunicazione potrà in un prossimo futuro essere effettuata anche su base trimestrale. Per questo motivo, Gestionale 1 consente già di creare il file telematico per trimestre; è fondamentale tuttavia verificare eventuali aggiornamenti della normativa che rendano effettiva questa opzione, prima di procedere ad operare con questa periodicità.

Soluzione Zucchetti – Digital Hub

Le regole e le specifiche tecniche dell'adempimento Esterometro sono compatibili con i tracciati della Comunicazione delle Fatture Emesse e Ricevute (ex Spesometro), in quanto già in precedenza venivano trasmessi anche i dati delle fatture da e verso l'estero.

Pertanto, per la trasmissione dell'Esterometro si utilizzeranno gli stessi tracciati e gli stessi servizi offerti in precedenza per la Comunicazione Analitica Dati I.V.A. (CADI).

Per adempiere all'obbligo fiscale della "Comunicazione Analitica Dati I.V.A.", Zucchetti ha messo a disposizione il servizio on line "Digital Hub", al quale tutti i gestionali Zucchetti si sono integrati.

Digital Hub è un servizio on line che consente di gestire, trasmettere e monitorare le comunicazioni dei dati delle Liquidazioni Periodiche I.V.A. e delle Fatture Emesse e Ricevute in formato XML.

È rivolto in particolare a coloro che desiderano gestire le comunicazioni in modo semplice e trasparente, senza doversi occupare delle modalità con cui avviene l'invio all'Agenzia delle Entrate, in quanto tutto il processo è in capo esclusivamente al Digital Hub stesso.

Con il servizio Digital Hub è possibile anche gestire la fatturazione elettronica attiva, per emettere i documenti verso la P.A. e tra privati, e passiva, per ricevere le fatture di acquisto dei fornitori.

Integrazione adottata da Gestionale 1

Gestionale 1 si è integrato al servizio Digital Hub: l'utente è in grado di generare il file XML della comunicazione secondo le specifiche tecniche ministeriali, e di inviarli al servizio Digital Hub, tramite web service, oppure all'intermediario (commercialista o associazione di categoria).

Invio al Digital Hub

Nel caso in cui l'azienda invii la comunicazione direttamente avvalendosi del Digital Hub, l'utente di Gestionale 1 avrà la possibilità di generare i file XML della comunicazione ed inviarli al Digital Hub. Digital Hub, una volta ricevuto il file XML tramite web service, avrà il compito di:

  • controllare automaticamente la validità formale dei file;
  • firmare i file digitalmente;
  • rendere disponibile i file al Sistema di Interscambio (SdI), depositandoli in un'area di scambio certificata;
  • gestire automaticamente le notifiche di "Accettazione" (con o senza segnalazioni) o "Scarto" dei file, restituite dal SdI.

In Gestionale 1, l'utente potrà interrogare le comunicazioni inviate al Digital Hub al fine di verificarne lo stato di avanzamento, fino alla conclusione del processo. Tutti i file relativi alle comunicazioni verso l'AdE, per essere accettati, devono essere firmati digitalmente o dall'azienda stessa o da un intermediario qualificato (ovvero commercialista o associazione di categoria); nel caso in cui l'azienda si avvalga del Digital Hub per l'invio delle comunicazioni, deve essere acquistato il Servizio di Firma Digitale Automatica (HSM), rilasciata da Zucchetti in qualità di Certification Authority.

Invio all'intermediario (commercialista o associazione di categoria)

Nel caso in cui l'utente Gestionale 1 volesse delegare il compito della firma ad un intermediario, avrà sempre la possibilità di generare i file XML della comunicazione e successivamente inviarli al proprio commercialista, il quale, in quanto soggetto delegato, avrà l'obbligo di apporre la firma digitale e quindi di inviarlo all'autorità competente.